Ottimizzazione off-page: La Link Building
573
post-template-default,single,single-post,postid-573,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.4,popup-menu-slide-from-left,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
ottimizzazione off-page

Ottimizzazione off-page

Ottimizzazione OFF-SITE: Cose che devi assolutamente sapere

Ottimizzati i contenuti delle nostre pagine web, potrebbe non bastare, per determinati settori, vedi il settore turistico, per ottenere un buon posizionamento su google.

 

Quindi un buon consulente seo deve focalizzare la propria attenzione su come ottenere link autorevoli da siti che trattano gli stessi argomenti, topic, per farlo in modo naturale, l’unico modo è creare contenuti di qualità che siano linkati da altri siti.

 

LA LINK BUILDING

Le tecniche di ottimizzazione off-page hanno preso il sopravvento sulle tecniche di ottimizzazione on-page.

I fattori da tenere in considerazione per l’ottimizzazione off-page sono:

  • Numero di link che puntano al nostro sito “Link Popularity
  • Autorevolezza dei link
  • L’attività di condivisione e coinvolgimento degli strumenti social

 

La link poluparity, la possiamo vedere come il numero di link che da siti esterni puntano al nostro sito. Più link riceve il nostro sito più il nostro sito e popolare.

link building

 

Da qui nasce la pratica del link building, conosciuto in ambito seo anche come link juice, ovvero la costruzione di una serie di link che da altri siti puntano al nostro.

 

Secondo google non dobbiamo fare Link building, ma dobbiamo guadagnarci i nostri link.

 

Per questo ha rilasciato l’algoritmo Penguin che mira a penalizzare chi non rispetta determinate indicazioni fornite da google.

 

Il 23 Settembre del 2016 google ha rilasciato l’ultimo aggiornamento di Penguin detto anche Penguin 4.0 o Penguin Real-Time.

Ora tale algoritmo è integrato nel core algorithm di google, quini non è più un filtro esterno che veniva lanciato di tanto in tanto.

Al fine di preservare il juice, imposta correttamente le regole di redirect in caso di cambio della tua url.

 

Ma non è così semplice, infatti il nostro sito deve essere raggiunto da siti di qualità, e che trattano i nostri stessi argomenti.

Ad esempio, se il nostro sito parla di programmazione web, non saranno ben visti da google i link che puntano al nostro sito, chiamati backlink oppure inbound link, che parlano di calcio, infatti google riesce a rilevare questi link, e classificarli come spam. Quindi dobbiamo ricevere link da siti in topic con il nostro.

 

Quindi meglio 5 link di qualità che 50 non di qualità.

 

Inoltre bisogna ricevere i backlink da più siti, infatti meglio ricevere 10 backlink da 10 siti che 10 backlink provenienti dallo stesso sito, e magari cercare di non ricevere tanti link da siti con la stessa classe c dell’indirizzo ip.

Se i link che riceve il vostro sito ha questa caratteristica, vuol dire che molto probabilmente vi siete rivolti a link builder, che avendo creato una loro PBN (Private Blog Network) offre questo servizio. Inutile dirvi che state facendo soltanto del male al vostro sito.

 

Come conoscere rapidamente l’indirizzo ip di più siti web?

ip-report

 

E se utilizzi un hosting condiviso quali sono i siti che risiedono sullo stesso IP?

viewdns.info

 

Sul sito di Moz potere trovare la lista dei domini più autorevoli: https://moz.com/top500