Come creare contenuti di qualità per un sito web
442
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-442,page-child,parent-pageid-188,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-4.4,popup-menu-slide-from-left,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Contenuti del sito web

CONTENT STATEGY

consulente seo esperto

Qualsiasi utente che possieda una pagina web o un blog e vuole posizionarlo sui motori di ricerca più rinomati (come Google) deve sempre cercare contenuti interessanti ed accattivanti per fare in modo che i motori di ricerca li apprezzino. Questo è un compito che non sempre si rivela facile. Ecco perchè, a tale scopo, è necessaria una ricerca.

 

Tra gli strumenti e più utilizzati per effettuare questa ricerca possiamo citare il Keyword Planner Adwords e Seozoom, per mezzo dei quali è possibile trovare parole chiave, sinonimi, contrari, ed altre parole collegate a ciò che vogliamo promuovere o vendere.

 

Nonostante molti esperti e consulenti SEO ritengano inutile l’utilizzo di questo strumento (in quanto ritengono che i risultati delle ricerche di Google AdWords spesso forniscono dei dati che non sempre sono reali), essi non prendono in considerazione le query laterali che vengono effettuate dagli utenti web e per le quali la pagina potrebbe essere posizionata allo stesso modo.

 

Questa è la ragione per cui, quando si vogliono scrivere i contenuti, bisogna tenere conto che di fatto che le ricerche mensili riguardanti una determinata parola chiave non sempre danno delle combinazioni semantiche standard per le quali il sito viene posizionato in automatico.

 

Per avere un buon posizionamento online bisognerà quindi elaborare contenuti SEO friendly da far salire disposizione su Google.

 

Tutti fattori da tenere in considerazioni quando richiedi un preventivo ad uno sviluppatore web e seo specialist.

CONTENUTI SEO FRIENDLY: L’IMPORTANZA DELL’ESPERIENZA UTENTE

contenuti seo friendly

Contenuti SEO friendly!!!. Cosa significa questa parola? E’ molto semplice da spiegare, e per farlo bisognerà prendere in considerazione l’esperienza dell’utente web medio che approda sul nostro sito.

Per valutare la nostra pagina web, infatti, un utente valuterà in che misura ne ha compreso i contenuti, quanto gli sono sembrati interessanti ed accattivanti per spingerlo a comprare (o, al contrario, spingerlo a cercare il suo prodotto altrove) e, cosa non meno importante delle due sopra citate, se al momento di accesso al sito ha trovato una piattaforma sicura nella quale approdare e soddisfare la sua voglia di conoscenza riguardo ad un prodotto o un servizio.

Nel caso in cui l’utente web acceda al sito e, non capendo nulla dei contenuti, decida di uscire subito con un click (si parla, in questo caso, di alta Bounce Rate), un webmaster o un consulente SEO avrà il compito di capire le motivazioni per cui gli quell’utente (o quegli utenti) rimangono così poco tempo all’interno della pagina web.

Una volta intuite le ragioni principali, ovviamente, si dovranno apportare ai contenuti le dovute modifiche affinchè gli utenti possano rimanere nel sito più a lungo possibile.

Per risolvere il problema della bounce rate, esistono alcune soluzioni molto efficaci, che sono:

Rendere il sito più friendly, ovvero renderlo più coinvolgente ed accattivante per gli utenti che lo visualizzano;

Fare in modo che diventi più veloce;

Ultimo per ordine, ma primo per importanza, migliorare i contenuti ed i link interni, modificando in modo appropriato tutta la struttura del sito.

Questa è la ragione per cui, quando si vogliono scrivere i contenuti, bisogna tenere conto che di fatto che le ricerche mensili riguardanti una determinata parola chiave non sempre danno delle combinazioni semantiche standard per le quali il sito viene posizionato in automatico.

Per avere un buon posizionamento online bisognerà quindi elaborare contenuti SEO friendly da far salire disposizione su Google.